images/stories/basket/competizioni/nba.jpgUn mostruoso Lebron James prende per mano Cleveland e la porta a concludere una fantastica rimonta su Golden State. Dal 3-1 Warriors ora la situazione è in perfetta parità. Alla Quicken Loans Arena i Cavs surclassano i campioni in carica 115-101 con le loro stele sugli scudi, 41 punti per Il Prescelto, 23 per Irving e 15 per Thompson che domina sotto le plance. Sotto tono i californiani con Curry che, nonostante i 30 punti realizzati, non risulta decisivo e si fa espellere nel finale. Si decide tutto in Gara 7 Domenica sera a Oakland.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

I Cleveland Cavaliers dopo l'incredibile rimonta conclusa con la straripante vittoria di ieri notte, diventano la terza squadra nella Nba (dopo i Knicks nel '55 e i Lakers nel '66) a portare la serie delle Finals alla bella dopo essere stati sotto 3-1.

115-101 il finale ma con un Lebron James in queste condizioni, il risultato poteva anche essere più pesante per i campioni in carica. D'altronde, per quelli dell'Ohio non erano più previste prove di appello e l'imperativo, per Lebron & Co. era uno solo, vincere.

I Cavs partono subito alla grande arrivando addirittura sul 31-9 a 54" dalla prima sirena con i Warriors che litigano col ferro, con un 1/9 dal campo che grida vendetta. Nel secondo quarto Curry si sveglia dal torpore e con 15 punti tenta un disperato recupero, coadiuvato anche da Draymond Green che accorcia sul 48-36 a circa 4' dall'intervallo lungo.

Ma, a questo punto, Il Prescelto sale in cattedra spalleggiato dalla premiata ditta Irving-Thompson chiudendo la prima frazione sul 59-43. Cambia poco nel terzo quarto, Curry è nervoso e continua a litigare col ferro ma tutti i Warriors faticano molto dal campo, mentre i frombolieri in canotta bianca colpiscono ripetutamente anche con Kevin Love che, con una tripla decisiva, porta il punteggio sul 70-46.

A questo punto si svegliano gli splash brothers, in particolar modo Klay Thompson che con una serie di punti di fila tiene a galla i suoi permettendo di arrivare alla fine del terzo quarto con lo svantaggio ridotto sul 80-71.

Nell'ultima frazione di gioco si scatena definitivamente King James, il quale, con una prestazione monstre rintuzza gli attacchi di Golden State che, con il vecchio leone Leandro Barbosa si stava facendo nuovamente sotto.

A 8' dalla fine, infatti, il punteggio è sul 86-79 grazie soprattutto all'ottima prestazione del brasiliano ma, dall'altra parte c'è un James che non molla di un millimetro, segna, serve assist d'oro a Thompson e ringhia di brutto a Curry dopo una stoppata clamorosa all'MVP dell'anno.

Ottima la gara anche di Irving che si fa sentire con punti pesanti dalla distanza e  fa ammattire in difesa Curry che, a 4' dalla fine si fa espellere per raggiunto limite di falli, con incluso lancio di paradenti in campo.

L'uscita forzata di Curry mette fine all'agonia di Gara 6, per Golden State che ora, si trova a dover affrontare i Cavs in forte crescita di forma e rendimento, sull'onda lunga dell'incredibile rimonta messa in atto. 

Ha colpito e non poco la carica impressa da Lebron ai suoi, arrivando, persino a disobbedire all'ordine di coach Tyronn Lue di uscire dal campo a rifiatare un po', nel terzo quarto. Il Prescelto è in un momento di condizione straripante e, siamo certi, se saprà ripetersi anche nell'ultima gara decisiva, beh, per i campioni in carica saranno guai.

Golden State è mancata, innanzitutto nella precisione al tiro e nella ricerca di soluzioni offensive efficaci ma anche sotto le plance dove, senza i muscoli di Bogut, infortunato, Thompson è stato in grado di fare il bello e il cattivo tempo.

Anche i rincalzi dei californiani hanno deluso, specie Harrison Barnes e Andre Iguodala, frenato, peraltro, da dolori alla schiena.

Si torna domenica sul parquet di Oakland, nella bolgia della Oracle Arena, dove ci si gioca tutto in una notte e, credeteci, ci sarà da divertirsi.

Vuoi sapere quante visite ha questo articolista? Clicca sul bottoncino "VS" a lato.

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.