Calciomercato Antonio Cassano: dove va? Verona, Bologna o altrove?
Calciomercato Antonio Cassano: dove va? Verona, Bologna o altrove?

Non manca molto. Fra un anno esatto ricorre il primo compleanno dell'ultima partita ufficiale giocata da Antonio Cassano. La domanda è spietata ma inevitabile: Antonio Cassano è ancora un giocatore di calcio? Stare fermi un anno, a 35 anni per di più, nello sport del pallone è quasi una sentenza e forse una condanna. Fantantonio è particolare, è scomodo. Sua moglie, Carolina Marcialis, non perde occasione per polemizzare in nome e per conto del marito. Lui è un talento destinato a dividere piuttosto che a unire. I mesi trascorsi ad allenarsi con la Primavera della Sampdoria, non sono stati un buon segnale per il  resto del mondo. Doveva essere più conciliante Cassano e non doveva forzare la situazione. Per questo, sono diversi mesi che il genio di Bari Vecchia è in mezzo al guado. Va al Genoa? Lui vorrebbe, ma nella parte rossoblù della città di Genova sono in tutt'altre faccende affacendati. Va al Bologna? Da San Luca piovono smentite. Va all'Entella? In realtà sembra proprio Antonio il più schizzinoso. Andrà a Verona, dal suo amico Pazzini, in caso di promozione degli scaligeri?

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

L'ex separato in casa della Sampdoria sognava di andare ad allenarsi a Pegli, casa Genoa.

Lo ha confessato proprio in questi giorni, Antonio Cassano.

Ma l'effetto ottenuto non è stato assolutamente positivo, anzi... La parte blucerchiata di Genova si è sentita tradita e questo avrà un effetto nei cori della Curva Sud sampdoriana a Marassi nelle ultime giornate di Campionato, mentre la Lanterna rossoblù non ha fatto salti di gioia, è rimasta sostanzialmente indifferente e, a dirla tutta, in questo momento ha ben altri problemi di classifica e di salvezza a cui pensare. Insomma, l'ex Nazionale sarà per sempre il grande assente del derby di Genova e nulla più.

Nello scorso autunno, in molti avevano creduto alla versione di Antonio Cassano e di Ivan Juric, dopo la diffusione sui social della foto che li vedeva insieme a cena.

Ma come? Una bandiera della Samp a tavola con l'allenatore del Genoa? Da non credere. Tutti e due però avevano parlato di un puro e semplice incontro fra addetti ai lavori, una serata trascorsa a parlare di calcio senza secondi fini e assolutamente priva di progetti sotto traccia.

E invece...quella sera, lo si è scoperto proprio in questi giorni da una intervista rilasciata da Cassano al Secolo XIX di Genova, Cassano aveva provato a parlare al tecnico genoano in una fase di grande spolvero della possibilità di allenarsi con il Grifone.

La risposta di Juric? Non solo possibilista, ma anche positiva, comprensiva e a Fantantonio non deve essere sembrato vero: trovare una sponda, un amico, in un momento in cui attorno a lui c'era soprattutto solitudine, deve essere stata una bella cosa.

Ma da quel  momento in poi, le cose sono cambiate. Il rendimento del Genoa è peggiorato, Juric è stato prima esonerato e poi ripescato, mentre la separazione fra Cassano e Samp non è stata indolore. Tutto rientrato, quindi.

In questi mesi, si sono rincorse più e più voci sul futuro di Antonio Cassano.

Ad un certo punto sembrava fatta, sembrava che andasse all'Entella, una realtà tranquilla, una squadra ligure disponibile ad accoglierlo, a valorizzare gli ultimi fuochi del suo calcio.

Al momento di concretizzare però, non se ne è fatto nulla. 

Cassano è rimasto prima ad allenarsi a Bogliasco con i ragazzi della Primavera, poi per conto suo dopo la rescissione consensuale con la Sampdoria, sulla quale c'è stata la mediazione del plenipotenziario blucerchiato, l'avvocato Romei, al netto di qualche frecciatina da parte del presidente Ferrero.

E adesso? Il Bologna di Roberto Donadoni, che pure con Cassano in squadra da Ct azzurro ha fatto un ottimo Europeo del 2008 in Austria e Svizzera, sembrava davvero interessato ad Antonio, così come aveva manifestato interesse per Alessio Cerci nella scorsa estate.  Ma il Bologna ha smentito.

Resta una chance ad Antonio per il suo futuro, il Verona del suo amico Giampaolo Pazzini.

Cassano-Pazzini, quasi come Mancini-Vialli, le due coppie d'oro storiche blucerchiate. Se il Verona salisse in Serie A, la scialuppa di salvataggio di Antonio potrebbe essere proprio il Pazzo.

Staremo a vedere, cosa accadrà al Cassano che ha storicamente polemizzato contro la Juventus che comunque oggi è in Semifinale di Champions League, che  lascia il Milan furioso con Galliani e che lascia l'Inter stizzito con Mazzarri. Milan e Inter oggi sono alle prese con ben altri derby come conferma l'ultimo giocato, mentre lo storico di Cassano lo conosciamo. Il futuro, un po' meno.

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: Parla Cassano: tornerò a volare, Il Secolo XIX, 19 Aprile 2017.

Per l'immagine: www.we-news.com

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Entra per commentare