Andrea Conti si fa forza e ringrazia tutti dopo l'operazione
Andrea Conti si fa forza e ringrazia tutti dopo l'operazione. 

Tornerà come prima? L'operazione è riuscita è una frase fatta o qualcosa di vero e di serio? Andrea Conti, esterno del Milan con sei mesi di assenza dai campi di gioco davanti a sè a causa della rottura del legamento crociato del ginocchio per il quale è stato operato oggi, è giovane e determinato. La rottura del legamento, che negli anni Settanta significava fine della carriera, oggi è sempre più frequente nei calciatori professionisti tanto da essere considerata quasi routine. Conti è stato operato a Milano dall'equipe del professor Schonhuber, che ha riportato in campo Riccardo Montolivo nei tempi previsti, e il bisturi scelto dal Milan è una garanzia.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Il giorno dopo la dura botta dell'infortunio di Andrea Conti, è iniziata in casa Milan con le dichiarazioni di Vincenzo Montella, in apertura della conferenza stampa della vigilia di Milan-Udinese.

Ha subito dichiarato l'allenatore del Milan: "E' stata una giornata triste ieri, l'intervento di Conti è riuscito bene, spero che rientri il prima possibile. Da parte dei ragazzi gli auguriamo pronta guarigione".

Ci si chiedeva come il giocatore rossonero, reduce dall'Atalanta dopo una operazione di calciomercato del valore di 24 milioni di euro, avesse preso il brutto infortunio.

La risposta l'ha fornita lui stesso, dal suo letto della clinica La Madonnina di Milano, dove si è risvegliato dopo l'intervento chirurgico.

Su Instagram, Conti ha postato una foto nella quale è ritratto sereno e sorridente e alcune righe molto importanti: "Operazione perfettamente riuscita, si riparte da qui, da questo letto, dalla fisioterapia, dalla voglia di non mollare mai e sorridere sempre, dalla voglia di ritornare sul campo non come prima ma più forte perché non sarà sicuramente questo "incidente" a fermarmi..."

Non solo: "Mi ritengo fortunato perché ho scoperto che tante persone mi vogliono bene; a partire dalla mia società, a cui sarò sempre grato per quello che hanno fatto e stanno facendo per me, passando per i miei fantastici compagni, i tifosi che non mi stanno facendo mancare il loro sostegno e tutte le persone che mi hanno dedicato anche solo un minuto del loro tempo per un messaggio".

Andrea Conti non è solo un calciatore grintoso e determinato, ma anche un ragazzo allegro e benvoluto: "Poi c'è tutto l'amore della mia famiglia, della mia fidanzata e dei miei amici più cari, che mi danno una forza incredibile e mi rendono invincibile!".

La chiusura è sul futuro: "Sono pronto ad affrontare questa nuova partita e non mi interessa quanto durerà perché ho una voglia incredibile di tornare protagonista e spaccare il mondo: una stagione da protagonisti ci aspetta, e io voglio farne ancora parte!".

Dopo aver seguito il derby della Primavera del Milan perso contro l'Inter, Massimiliano Mirabelli, ds e responsabile dell'area tecnica del Milan, ha lasciato Milanello per raggiungere Andrea Conti.

La vicinanza, effettiva, concreta, della società è stata ulteriormente gradita dal ragazzo che, dopo la leggera distorsione alla caviglia in Nazionale, si apprestava a tornare in campo nel prossimo Milan-Spal di Campionato, turno infrasettimanale del 20 Settembre.

Tutto il mondo del calcio gli ha fatto coraggio.

Il mese di Marzo del 2018 sarà quello del suo ritorno in campo con la maglia del Milan.

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: Fonte interna www.we-news.com

Per l'immagine: www.we-news.com 

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Articolo scritto da:

Mauro Suma, il Direttore Responsabile (leggi la sua biografia).