WIMBLEDON 2010, OTTAVA GIORNATAOggi giornata noiosa a Wimbledon, nell'ottava giornata  i quarti di finale del singolare femminile dagli esiti scontati,  e per il resto solo doppi maschili e femminili, e invece no, sono uscite infatti delle sorprese.

Venus Williams cede sorprendentemente in due sets, vincendo solo 5 games totali, la sua cecchina è stata Tsvetana Pironkova, tennista bulgara quasi ventitreenne, numero 81 del ranking, la sua migliore classifica è la 40° posizione, nessun titolo WTA per lei che è professionista dal 2002.

Insomma, in una giornata apparentemente poco interessante, questo risultato farà parlare molto, la Pironkova non era mai andata oltre un terzo turno, ora è in semifinale, bizzarìe del tennis.

Non se l'aspettavano in molti, ma è successo, la belga Kim Clijsters è stata sconfitta dall'ottima russa Vera Zvonareva, numero 19 del mondo, è stata anche numero 5, solo due volte aveva raggiunto il quarto turno a Wimbledon in 8 anni, dunque un pò meno sorpresa della Pironkova, ma sempre un risultato non auspicato.

Il quarto di finale che sembrava più interessante per il gioco fino ad ora espresso dall'esperta 28enne cinese Li Na, l'ha vista giocare bene ma soccombere 7-5, 6-3 all'uragano Serena Williams.

Nell'ultimo quarto a sorpresa, la Kanepi, estone, che sembrava a un certo punto avere la partita in mano, 4-0 nel terzo e decisivo set, ha invece perso crollando psicologicamente, così la meno esperta 20enne, Kvitova, ha vinto 8-6.

Domani i quarti maschili e due semifinali femminili.


Written by Carmine Orlando...published by Manager_Alessandro Bechis

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.