Urbano Cairo e lo sport,una nuova tv: no limits?
Lo sport in tv, c'è ancora spazio? Cairo valuta. 

Lui smentisce, ma nessuno si stupirebbe. Se Urbano Cairo fosse arrivato per tempo ai vertici di RCS, con ogni probabilità Gazzetta TV sarebbe ancora una televisione in servizio permanente effettivo, sarebbe ancora viva e vegeta. E soprattutto accesa. Ma così non è e il numero uno di RCS è anche editore di La7. Ecco allora la parola magica: Sinergie. Mai sentita? Cairo sì. Cairo no limits. Proprio nel giorno in cui Il Foglio lo definisce un predestinato della politica, l'ex Berluschino prende sempre più consistenza come il Berlusconi 2.0. E se davvero nascesse la sua nuova TV sportiva, gli appassionati non mancherebbero...

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Novità per il telecomando di casa vostra?

Per il momento più sussurri che grida, ma l'esperienza insegna che quando ci sono dei rumors sul dinamismo e sull'intraprendenza di Urbano Cairo è cosa utile tenere le antenne dritte.

Da "Cairo valuta" a "Cairo fa", il passo è spesso stato breve e se oggi si parla di una nuova TV all sport targata La7 il pensiero corre subito ai canali che potrebbero ospitarla.

Il canale 59 del digitale terrestre, proprio l'ex frequenza di Gazzetta TV, previo un accordo opportuno e necessario con la De Agostini?

Oppure il canale 61, oggi di proprietà di GM Communication, editore di Nuvola61 ex-Nuvolari, la protagonista dell'acquisizione delle frequenze liberate dal fallimento della Sportitalia della prima fase nell'autunno del 2013?

I corridoi mediatici e sportivi sono già in fibrillazione, soprattutto perchè si dice che, pur con la presenza come esperti e opinionisti dei giornalisti della Gazzetta dello Sport in regime di sinergia, la redazione base della nuova creatura di Cairo verrebbe esternalizzata e quindi creata ex novo in outsourcing.

Una tv sportiva quindi, non solo calcio, ma anche altri sport, dal tennis alle due ruote, ai motori e, perchè no, alla boxe.

L'ambiente sportivo e televisivo di riferimento di Urbano Cairo è quello che riguarda i protagonisti della primissima Sportitalia, ovvero Bruno Bogarelli, editore e produttore al tempo stesso con una vasta esperienza nel mondo delle start up televisive innovative, fratello di Marco ex presidente di Infront e Michele Criscitiello, giovane e rampante giornalista-producer che ha ospitato di recente nei propri studi il direttore sportivo del Torino, Gianluca Petrachi.

E' persino inutile aggiungere che il Torino, che sembra aver smaltito la delusione del pareggio nel derby con la Juventus quando ormai la partita sembrava vinta, è presieduto proprio da Cairo nostro.

In ogni caso per un tritacarne come Urbano (altro che Urbanetto...) che riesce a fatturare 18 milioni di euro l'anno per La7HD, esplorare il settore sportivo per capire se, come e quando sbarcare, è assolutamente nell'ordine naturale delle cose.

Perchè Cairo no limits?

Perchè proprio oggi Claudio Cerasa, direttore de Il Foglio, va ben oltre il Torino, Toro Channel, La7 e La7 Sport.

Il titolo è eloquente: Urbano Cairo, la politica ha un predestinato.

Il Foglio lo dipinge come l'erede perfetto del Cav, nel senso di Silvio Berlusconi, già a conoscenza di sondaggi, naturalmente segreti, sulla sua popolarità.

Del resto la miscela attuale di Cairo, il brodo di coltura delle sue attività, è lo stesso di quel 1992 e di quel 1993 che Stefano Accorsi racconta su Sky, ovvero tv, editoria, pubblicità e sport.

Mettetevi comodi... 

 

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: Cairo valuta per La7 l'apertura di un nuovo Canale sportivo, calcioefinanza.it, 9 Maggio 2017.

Per l'immagine: www.we-news.com 

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Articolo scritto da:

Mauro Suma, il Direttore Responsabile (leggi la sua biografia).