I RED SOX TRIONFANO NELLE WORLD SERIES 2013I Boston Red Sox si sono laureati campioni del mondo di baseball per l'ottava volta nella loro storia, battendo in sei gare i Saint Louis Cardinals.

Guidati da David Ortiz, nominato MVP delle World Series, la squadra del Massachusetts è riuscita nell'impresa di vincere per la prima volta un titolo a casa sua, a Fenway Park, davanti a migliaia di tifosi Red Sox che si sono poi riversati lungo le vie della città andando a concludere simbolicamente i festeggiamenti proprio nei pressi del traguardo della maratona macchiata dal sangue dei loro concittadini nell'attentato terroristico del 15 aprile scorso.

Grande merito va dato anche al bullpen dei Sox che è riuscito a essere affidabile nei momenti cruciali della serie. Lester è stato praticamente intoccabile nelle due gare da lui lanciate, gara 1 e gara 5, concedendo la miseria di 1 punto in 15 inning giocati.Da sottolineare anche le belle prove di Bucholz in gara 4 e Lackey, partente nella decisiva gara sei di ieri notte.

Ognuno dei battitori ha portato, durante tutta la serie, il proprio contributo: Pedroia e Napoli in gara 1, Gomes decisivo con 3 RBI in gara 4, Ross ed Ellsbury in gara 5 e Victorino nella decisiva gara 6.

Ma il protagonista assoluto di queste World Series è stato Big Papi, El Señor Octubre, all'anagrafe David Ortiz. Il designated hitter dominicano ha tenuto medie di battuta irreali per tutto il corso della serie finale. Per i freddi numeri Ortiz ha battuto un irreale .667 in tutte le sei gare, portando a casa quasi la metà dei punti dei Red Sox, costringendo il manager dei Cardinals, Mike Matheny, a regalargli 4 basi intenzionali nei 4 turni di battuta di gara 6. Il campione dominicano si è così meritatamente aggiudicato il primo titolo di MVP delle World Series garantendosi anche l'ingresso nella Hall of Fame del baseball.

Dopo che la Maledizione del Bambino - maledizione sportiva che colpì i Red Sox agli inizi del Novecento dopo aver ceduto Babe Ruth agli Yankees, cessione che diede il via alla dinastia della squadra di New York e a 86 anni di assenza di successi per Boston - è terminata nell'anno di grazia 2004 (proprio con la vittoria per 4-0 sui Cardinals) i Red Sox hanno vinto la bellezza di tre titoli in dieci anni, risultato mai ottenuto da una franchigia in un lasso di tempo così breve.

Enorme delusione invece a St. Louis, dove i tifosi dei Cardinals speravano di festeggiare il dodicesimo titolo della loro storia dopo aver visto la propria squadra guidare la serie dopo gara 3. Già perché la squadra allenata da Matheny era riuscita a invertire il fattore campo vincendo a Boston gara 2, conquistando poi la prima delle tre gare in fila che si sono disputate al Busch Stadium di St. Louis. La vittoria in gara 3 è stata senza dubbio rocambolesca, arrivata grazie ad un errore macroscopico del catcher dei Red Sox, Saltalamacchia, il quale nel nono e decisivo innning ha tentato, con un lancio errato, di eliminare un corridore in terza base. Nel tentativo di ricevere il lancio, il terza base dei Red Sox ha ostruito la corsa a casa base di Craig decretando così in automatico il punto decisivo per le sorti della gara.

In tutta la serie i lanciatori di St. Lousi non sono riusciti ad arginare la strapotere delle mazze bostoniane, entrate subito in ritmo a partire dalla gara inaugurale. Nonostante gli sforzi profusi da Molina, Holliday e Carpenter, il bullpen dei Red Sox è riuscito a concedere pochissimo all'attaco della squadra del Missouri garantendosi così un successo meritato.

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Log in to comment