images/stories/altri-sport/logo rio 2016.pngIl Setterosa stupisce ancora. Le avevamo lasciate felici e vincenti contro le padrone di casa del Brasile, le abbiamo ritrovate oggi ancora più felici e vincenti contro le giganti australiane. 8-7 il punteggio e ora, Russia fatti pure avanti che non ti temiamo. La Pellegrini, invece, dopo la delusione della sua gara, persa di un soffio, si tira su le maniche, o meglio, si sistema la cuffia e si prepara per la 4x100 mista, con buona pace di chi la vedeva già in volo di ritorno per l'Italia.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

La Storia si ripete, per il nostro Setterosa, nella vasca di Rio 2016. Come un anno ai mondiali di Kazan fa si ritrova ad affrontare in una gara importante le giganti australiane e, come era da aspettarselo, le emozioni non sono mancate nemmeno stavolta.

Allora fu la lotteria dei rigori ad arridere alle nostre pallanuotiste che, in quell'occasione, riuscirono a strappare un bronzo memorabile. Oggi, invece, si giocava per la supremazia nel proprio girone e la vittoria è arrivata grazie ad un colpo da maestro della Bianconi, a secco per tutto il match ma risolutiva nel finale.

Ma andiamo per ordine. L'Italia parte subito in quarta con un parziale di 3-0 firmato Garibotti, Emmolo e Queirolo, approfittando anche della superiorità numerica. Le Aussie, però, non ci stanno e tornano a farsi sotto pericolosamente sul 3-2 con la Bishop e la Knox a ruggire sotto porta.

Le australiane fanno valere la loro maggiore prestanza fisica e, nel terzo periodo raggiungono la parità sul 4-4 con la Southern, brava lei, in questo caso, ad approfittare della superiorità numerica procuratasi.

Il match inizia ad infiammarsi, con le nostre avversarie spesso in superiorità numerica ma tenute bene a bada dalla difesa azzurra. La Garibotti si fa sentire con uno squillo importante portando la squadra di Conti sul 5-4. Il nostro ct compie alcuni cambi, alternando la Garibotti con la Bianconi ma la sfida in centroboa si fa sempre più aspra e, addirittura, le australiane passano in vantaggio sul 6-5.

Le nostre hanno il merito di non perdersi d'animo e ritrovano immediatamente la via del goal , pareggiando i conti con la solita Garibotti e ritrovando il vantaggio con la Tabani. Nel finale, dopo, il pareggio fortunoso delle avversarie, Il Setterosa si gioca il tutto per tutto trovando il goal della vittoria a due minuti dalla fine con un guizzo della Bianconi, 8-7 e tutti a casa.

E la Pellegrini? l'avevamo lasciata a rimuginare sulla delusione della sua gara per eccellenza, i 200 stile libero, finita come tutti sappiamo e pure sulla mancata qualificazione della 4x200. beh, in molti l'avevano già data imbarcata sul primo volo per Roma ma si sbagliavano di grosso.

La Fede nazionale, ancora una volta, ci sforna una notevole prova di carattere, scacciando via gli incubi che l'hanno tormentata in queste ore e comunicando, ufficialmente, di voler partecipare alla 4x100 mista di domani, con buona pace dei gufi.

E' evidente che, la campionessa di Spinea vuole lasciare il segno, in qualche modo, anche in questa manifestazione, e non solo come portabandiera e, per farlo, dovrà essere in grado di recuperare tutte le energie fisiche e mentali in suo possesso. Non sarà facile ma, lo sappiamo bene, la nostra fuoriclasse ci ha abituato a prestazioni monstre anche in condizioni psicofisiche non ottimali. Incrociamo le dita, lasciamo perdere le polemiche di questi giorni e tifiamo tutti per lei.

Vuoi sapere quante visite ha questo articolista? Clicca sul bottoncino "VS" a lato.

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Log in to comment