images/stories/articles.jpgReduci dal KO contro i campioni di Denver, i Cincinnati Bengals sono scesi in campo in casa contro i Miami Dolphins nel Thursday Night Nfl, anticipo della quarta giornata, ed è stato subito AJ Green show. Il ricevitore di quelli dell'Ohio ha trascinato i suoi in una vittoria scacciacrisi per 22-7, complice anche una difesa avversaria non all'altezza della situazione. Occhio però ai facili trionfalismi. Cincinnati ha messo in luce, infatti, anche diverse pecche in fase di regia e di soluzioni offensive, tutte cose su cui dovrà lavorare molto se vuole raggiungere i playoff.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

A Cincinnati c'è un uomo solo al comando. AJ Green, ricevitore 28enne ex Georgia University, prende per mano i suoi Bengals e li guida in una vittoria netta contro i Miami DOlpphins, scesi in campo con scarsa voglia di far bene.

22-7 nel Thursday Night, anticipo della quarta giornata, risultato rotondo che ci voleva davvero, per quelli dell'Ohio, dopo la sconfitta nell'ultimo match contro Denver. Ora, la situazione vinte/perse per Cincinnati si pone in perfetta parità, 2-2 ma la strada è ancora lunga se si vuole raggiungere i playoff per la sesta volta di fila.

Il match si è aperto con un buon calcio da 3 punti di Cincy seguito dall'unica azione decente di Miami, che risponde al vantaggio dei Bengals con un ottimo lancio del qb Tannehill per Stills che buca la difesa giallonera e deposita in meta.

D'ora in poi, per quelli della Florida, cala il buio più totale e sale in cattedra un certo AJ Green. I Dolphins, nel prosieguo della gara non riescono a racimolare più di 8 primi down e iniziano a non toccare più palla.

Green viene lanciato a più riprese dal suo qb Dalton e racimola guadagni continui di yards fino ad arrivare alla passeggiata in End Zone che gli vale l'unico TD per i suoi. A questo punto l'attacco di Miami si impantana, non riuscendo ad andare oltre 4 field goal e subendo notevolmente la difesa aggressiva di Cincinnati.

Arriva anche un intercetto su Tannehill che porta a 9 le palle perse di Miami nelle ultime tre uscite e il bilancio vinte/perse a pendere pesantemente sull'1-3.

Analizzando più approfonditamente la gara, però, si possono notare dettagli in chiaroscuro anche per i vincitori. Certo, AJ Green ha dimostrato tutto il suo strapotere in campo correndo per ben 173 yards e, in generale, l'attacco dei Bengals è riuscito a tenere palla per 38' ma si sono evidenziate diverse lacune in fase di regia e nella scarsità di soluzioni offensive utilizzate.

Il qb Andy Dalton si è dimostrato, come sempre, solido e affidabile ma non in grado di imprimere svolte decisive alla gara, concretizzando molto poco nei diversi possessi che si è trovato a gestire.

Inoltre, come dicevamo, pure Miami c'ha messo del suo, con un Ryan Tannehill impreciso e confuso, costantemente messo sotto pressione dalla difesa avversaria. Alcune scelte difensive, poi, hanno lasciato perplessi i più, come affidare uno scatenato Green a due giovanotti come Howard e Lippert su cui, l'attaccante di Cincinnati è andato tranquillamente sul velluto.

Deludente anche il defensive tackle Suh, mentre il CB Byron Maxwell non pervenuto. Insomma, un duro lavoro attende coach Adam Gase, se intende raddrizzare la marcia di un team che sta navigando nei bassifondi della classifica.

Buone notizie per Cincinnati, inoltre, sono venute dal ritorno in squadra del Linebacker Vontaze Burfict dopo una squalifica di tre giornate a seguito di un colpo proibito ai danni del WR di Pittsburgh, Brown negli utlimi playoff e del Defensive End Carlos Dunlap che ha fatto sentire notevolmente la sua presenza in campo. Basterà per raggiungere i playoff?

Vuoi sapere quante visite ha questo articolista? Clicca sul bottoncino "VS" a lato.

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Log in to comment