foto basket Non manca poi molto all'inizio della stagione regolare in NBA, ma quanto emerge dalle sfide di Pre-Season sembra non dare spazio alle certezze, soprattutto per i colori azzurri.

Nella notte due partite hanno coinvolto Andrea Bargnani e Marco Belinelli.

 

Entrambi non hanno ben figurato e le loro squadre sono uscite sconfitte dal terreno di gioco. I Raptor hanno perso 91-87 sul campo dei Boston Celtics, mentre New Orleans è stata sconfitta 135-81 dagli Orlando Magic.

Vero è che gli incontri era quasi proibiti per le squadre dei nostri ragazzi ma, dopo le ottime prove fornite durante le qualificazioni agli Europei, ci si aspettava molto di più dalle due stelle della nostra nazionale. Andrea Bargnani ha giocato oltre ventisei minuti e ha messo a referto la miseria di 4 punti, con statistiche imbarazzanti, 1/8 dal campo (0/3 da tre punti).

Non sono bastata ai canadesi i 18 punti di Jarret Jack e i 16 di Leandro Barbosa. Nate Robinson con 13 punti è stato il miglior marcatore di Boston.

 

Male anche Marco Belinelli che ha chiuso la sua partita, anche lui con 4 punti con un 1/4 dal campo (1/2 da tre). Tra gli Hornets ottima la prestazione di Pedja StojaKovic, 20 punti alla fine. Il miglior marcatore di Orlando è stato Rashard Lewis, con 23 punti. Ottima la prestazione di Dwight Howard, 12 punti e 11 rimbalzi.

Probabilmente i giocatori azzurri non hanno riposato a sufficienza dopo l'impegno con la nuova nazionale di Simone Pianigiani. Fatto è che Andrea Bargnani quest'anno non può più nascondersi.

Dopo la partenza di Chris Bosh è lui l'uomo franchigia. Un ruolo di forte responsabilità. Il romano è molto umile e di sicuro riuscirà a cancellare in fretta questa serata storta e a rimettersi subito in carreggiata. Questo è e deve essere il suo anno.

I Raptors hanno puntato forte su di lui, e il rinnovo del 2009 a 50 milioni di dollari per 5 anni è una chiara testimonianza di fiducia della franchigia canadese.

 

Per Marco Belinelli questa può essere la sua stagione. Dopo anni di studio della Lega, gli Hornets potrebbero essere l'ultima chiamata per l'ex Fortitudo Bologna. Deve ancora imparare molto dai "marziani" della NBA. Di sicuro ha talento, questo non è in dubbio, ma deve dare continuità al suo gioco per non fare presto ritorno in Europa senza lasciare traccia oltre oceano.

Giuseppe Opromolla...published by Manager_Alessandro Bechis

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.