Analisi della situazione della Associazione Sportiva Roma: ossia, cosa va e cosa non va nella Roma di Serie A? La Roma di quest'anno è in grado di vincere il campionato italiano di Serie A di Calcio edizione 2015-2016? Vediamolo insieme in questa analisi approfondita della squadra, reparto per reparto, giocatore per giocatore.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Dopo circa un quarto del campionato di Serie A, possiamo fare le prime stime dei risultati ottenuti dalla Roma sia in Italia che in Europa.

Cosa va: l'attacco.

Se c'è una cosa che non manca in casa giallorossa quella è il gol. Dopo le prime dieci partite di campionato, infatti, i ragazzi di Rudi Garcia si ritrovano in testa alla classifica sia per il punteggio che per il miglior attacco. Nella casella dei gol fatti possiamo trovare un bottino di venticinque marcature, senza che ancora si sia sbloccato Edin Dzeko

Cosa non va: la difesa.

Al contrario dei loro colleghi attaccanti, i difensori capitolini non sono stati cosi bravi nello svolgere il proprio compito. A partire dal nuovo portiere Szczesny passando per tutta la linea difensiva, sono in pochi a salvarsi dalle critiche del pubblico giallorosso.

Il campionato italiano ha consumato il suo primo quarto, sono state giocate dieci partite delle trentotto totali, e in testa alla classifica troviamo la Roma, che dopo cinque anni di direzione americana sembrerebbe essere arrivata alla maturità che ricercavano i ricchi proprietari d'oltreoceano. 

 

Ma è davvero così?

Analizzando le due macro sezioni della squadra, attacco e difesa, sono facilmente riscontrabili delle incongruenze profonde tra i due reparti. 

Concentrandosi prima sul reparto offensivo, non può che uscire un sorriso sul volto del tifoso romanista, che vede la sua squadra andare a segno con molta facilità e con molti giocatori diversi. l'unica nota che potrebbe sembrare negativa in questo reparto, è quella del colpo grosso del mercato estivo: Edin Dzeko

Potrebbe, ma in realtà non lo è. Il centravanti bosniaco, infatti, nella prima parte della sua esperienza romana ha trovato la via del gol solamente una volta, ma ad un occhio esperto non sarà sfugggito l'enorme lavoro oscuro effettuato dal numero nove. Protegge palla, fa salire la squadra, combatte e fornisce assist per i compagni. 

in fin dei conti si può dire che l'attacco romanista si trova in cima alla specifica classifica e se lo merita

In secondo luogo, prendendo in considerazione il reparto difensivo, il discorso da fare è completamente diverso. 

Gli addetti a difendere la porta giallorossa, in primo luogo il portiere Szscesny stesso, non sono stati cosi convincenti come i loro colleghi attaccanti. 

La Roma, infatti, nove volte su dieci ha subito almeno un gol, spesso e volentieri causati da disattenzioni dei propri difensori piuttosto che per meriti dei propri avversari. 

In Champion's League, fatale è stato l'approccio alle partite contro Bate Borizov e Bayer Leverkusen, partite in cui la squadra capitolina ha subito molti gol nei primi minuti di gara, difficili poi da recuperare.

Unico praticamente immune dalle critiche è Manolas, ormai diventato beniamino della folla giallorossa. 

La conclusione di questo resoconto sul primo quarto di stagione della Roma è, tutto sommato, positivo. I tifosi sembrerebbero giustificati a sperare nella vittoria tanto agognata e promessa. Questa Roma, con qualche piccolo aggiustamento, è quella giusta. 

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Log in to comment