Mino Raiola parla sempre del Milan: dente avvelenato?
Mino Raiola parla sempre del Milan: dente avvelenato? 

Il 26 Agosto scorso, era partito il primo attacco a orologeria di Mino Raiola contro il Milan. Un Club, quello rossonero, che non ha colpe agli occhi del super-procuratore. Ma è la squadra in cui, contro la sua volontà, il suo giovanissimo assistito d'oro Gianluigi Donnarumma ha voluto continuare a giocare, contro il suo parere. Contro il parere di Raiola. Negli ultimi dieci giorni, l'agente è tornato più volte a farsi sentire, ad esempio a fine Agosto: "Bisogna rispettare il parere di Niang se non vuole andare allo Spartak Mosca", aveva detto Raiola. E il dente è tornato a battere esattamente dove vuole: "Bisogna rispettare i pareri sempre, non solo quando fanno comodo come è accaduto con Gigio...". Cosa intende dire? Dove vuole andare a parare Mino Raiola?

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Per il Milan era stato facilissimo, pur rimanendo in silenzio a livello ufficiale e di società, replicare alle frasi del 26 Agosto di Raiola: "Avevano promesso la fascia a Gigio...".

In realtà pochi giorni prima, Gianluigi Donnarumma, portiere del Milan impeccabile nelle sue prime uscite stagionali in Europa League e Campionato, aveva dichiarato di essere contento che il Milan avesse Leonardo Bonucci come leader e come capitano.

Era quindi un pretesto di Mino Raiola, così come le frasi di oggi hanno chiarito: "Preciso, chiarisco, la fascia non era stata promessa, ma offerta...".

Nell'intervista sarebbe stato importante chiedere: quando è stata offerta? L'offerta è stata subito accettata? O tutto questo faceva ancora parte del tira e molla di Giugno quando Gigio non era ancora sicuro di restare al Milan?

Perchè se così fosse, sarebbe normale che poi, successivamente, all'arrivo di Leonardo Bonucci al Milan, il leader che tutta la dirigenza rossonera cercava, le cose sono cambiate e il discorso della fascia di capitano ha cambiato traiettoria...

Oggi però Raiola propone un nuovo tema: "Peccato che al Milan manchi una punta..."

Ma come? Replicano i tifosi rossoneri, con i gol di Patrick Cutrone già messi a segno in Italia e in Europa, dopo la rete decisiva di Andrè Silva in Ungheria-Portogallo 0-1 e con il lavoro di Nikola Kalinic per andare in condizione, perchè al Milan manca una punta?

Tenendo conto che ci sono, come giocatori spiccatamente offensivi, anche Borini e Suso...

Ma il vero e proprio "affondo", Raiola lo fa sul rapporto fra il giovane portiere del Milan e i tifosi: "Tutti hanno giudicato male Donnarumma, ma non hanno poi chiesto scusa".

In realtà chi deve chiedere scusa a chi? I tifosi per aver criticato Donnarumma? O Gigio per aver baciato la maglia senza poi firmare subito il contratto?

Nessuna delle due cose...la storia è ricominciata, con i tifosi rossoneri tutti in piedi ancora a San Siro ogni volta che Gigio entra in campo per fare riscaldamento.

Lui piuttosto, Mino Raiola: come mai non era a Casa Milan al momento della firma del contratto, 40 giorni fa, da parte di Gigio? Non era d'accordo con la scelta di Gigio e della sua famiglia di restare al Milan? Le critiche che fa adesso sono in realtù critiche a Gigio e alla famiglia per essere rimasti al Milan dove "non gli danno" la fascia e dove "manca" una punta? Critiche o stizza? Critiche o pretesti?

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: Fonte interna www.we-news.com.

Per l'immagine: www.we-news.com 

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Articolo scritto da:

Mauro Suma, il Direttore Responsabile (leggi la sua biografia).

Log in to comment