Arbitri e Scudetto perso: i napoletani abbandonano le pay-tv
Arbitri e Scudetto perso: i napoletani abbandonano le pay-tv

La Juventus ha vinto anche la coppa Italia in Finale a Roma contro il Milan, centrando per il quarto anno consecutivo la duplice accoppiata Scudetto-Coppa Italia. Una squadra così è difficile credere che vinca solo ed esclusivamente per gli aiuti arbitrali. Ma a Napoli i tifosi partenopei non ci stanno. Dopo il gol di Koulybaly a Torino avevano percepito di poter finalmente mettere le mani sul titolo tricolore e i successivi episodi arbitrali di Inter-Juventus, Napoli-Fiorentina e Juventus-Bologna hanno fatto affiorare la loro protesta. Il calcio italiano in cui vince sempre la Juventus si regge sugli introiti dei diritti tv? E noi, dicono a Napoli, disdiciamo gli abbonamenti proprio a Sky e Premium...

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

I tifosi del Napoli sono delusi, non solo sono usciti dalla coppa Italia contro l'Atalanta, non solo non hanno superato il girone di Champions League e il turno dei 16esimi di finale di Europa League, ma hanno  dovuto anche dare addio allo Scudetto.

Il  problema però non è soltanto il risultato sportivo...

I tifosi sono delusi: "Siamo stufi di questo calcio corrotto, non voglio più seguire questa farsa. I soldi dell'abbonamento li dedicherò ad altro".

Tantissime le disdette a Mediaset Premium e Sky da parte dei tifosi del Napoli, che poi sui social pubblicano le schede distrutte del loro decoder.

Non accennano a placarsi dunque le polemiche per l'arbitraggio di Orsato in Inter-Napoli che, secondo questa sorta di class action, avrebbe indirizzato il campionato verso Torino, sponda bianconera.

Dopo Fiorentina-Napoli in particolare a Mediaset e Sky sono arrivate migliaia di disdette, tutte con la stessa motivazione: "Stufi di questo calcio corrotto, non voglio più seguire questa farsa. I soldi dell’abbonamento li dedicherò ad altro".

Intanto, mentre la Juventus, dopo la coppa Italia, si appresta a conquistare aritmeticamente anche lo Scudetto, il 10 maggio 2018 è stato il giorno dell'ennesimo intervento di Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli, su quello che, forse ancora per poco, è il suo allenatore, ovvero Maurizio Sarri.

Le sue parole: "Sarri l'ho scelto io, contro il parere di tutti, i tifosi mi misero i manifesti chiamandomi cretino. Qui ha fatto bene, mi auguro resti, ma anche a lui questi 3 anni gli sono stati utili per fare un salto di qualità sull'esperienza".

Aurelio De Laurentiis ha voluto fare il punto sul futuro del tecnico azzurro.

Ha aggiunto il numero uno dei partenopei: "Ho un appuntamento la settimana prossima con lui - ha spiegato De Laurentiis - ora deve preparare la partita fuori casa. Ci siamo dati appuntamento per la prossima settimana. Ma non preoccupatevi, sono sereno".

Ma anche ADL ha i suoi sassolini nella scarpa sul fronte arbitrale...

Le sue frasi: "La distanza dalla Juventus è di 6 punti, mantenendola anche all'ultima giornata, se ci sono stati rubati 8 punti devo dichiarare che lo scudetto era del Napoli e ce l'hanno levato. Non applicando il Var e con qualche discutibile comportamento arbitrale. Ce li hanno tolti o no i punti? O non si dice per paura? Il problema dell'Italia è anche il silenzio".

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: Sky e Mediaset Premium, aumentano le disdette da parte dei tifosi del Napoli, areanapoli.it, 9 maggio 2018.

Per l'immagine: www.we-news.com 

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Articolo scritto da:

Mauro Suma, il Direttore Responsabile (leggi la sua biografia).

Log in to comment