Amazon entra nel calcio dalla porta principale, la Premier League inglese
Amazon entra nel calcio dalla porta principale, la Premier League inglese. 

Amazon ha acquisito per 90 milioni di sterline, pari a poco più di 102 milioni di euro, i diritti per la trasmissione in esclusiva di 20 partite della Premier League, il massimo campionato inglese, per tre stagioni a partire dal 2019. Rompendo di fatto un duopolio sui diritti Tv che si era abbastanza assestato e che vedeva in campo la pay tv satellitare Sky e BT, il principale operatore Tlc d’oltremanica. Nello specifico Amazon, che in passato aveva già chiuso un accordo con la Bundsliga in Gemania, potrà trasmettere in streaming le 10 partite che si giocheranno durante una festività nazionale (“bank holiday”) e altre dieci che saranno giocate in turni infrasettimanali.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Amazon è uscito allo scoperto, annunciando ufficialmente di aver acquistato all’asta il pacchetto per la trasmissione in diretta streaming di venti partite della Premier League, la prima divisione del campionato di calcio inglese, il più seguito al mondo.

A partire dal 2019 e per le successive tre stagioni, Amazon trasmetterà in diretta dieci partite del turno infrasettimanale in programma a dicembre e dieci partite del turno natalizio, fra cui quelle del cosiddetto Boxing Day.

Ha inoltre acquistato i diritti per la trasmissione degli highlights settimanali di tutte le altre partite del campionato. Amazon pagherà alla Premier League circa 102 milioni di euro e si inserirà così tra Sky e BT, le due emittenti che fino ad oggi si sono spartite i diritti del campionato inglese.

È la prima volta che la Premier League vende i suoi diritti esclusivi ad un servizio di streaming online.

Bt dal canto suo ha acquisito i diritti per i due rimanenti pacchetti infrasettimanali, impegnandosi a pagare 90 milioni di sterline per ognuna delle tre stagioni.

Tirando le somme, i diritti televisivi a partire dal 2019 saranno così divisi tra tre player: Amazon con i suoi 20 match a stagione in esclusiva, BT che ne trasmetterà 52 e Sky con 128, grazie al primo lotto di pacchetti già assegnati all’asta a febbraio.

E' dunque arrivato il momento in cui il tanto atteso sbarco delle nuove piattaforme nel mondo del calcio diventa realtà.

E' questa la grande novità, oltre alla contaminazione di un monopolio come quello instaurato nei fatti da Sky e BT.

le partite saranno disponibili su Amazon Prime Video nel Regno Unito senza costi aggiuntivi rispetto all’abbonamento Prime, secondo quanto spiegato da Amazon.

La parte del leone, nel triennio di diritti tv 2019-2022 la fanno ancora Sky e BT con un investimento di 4,6 miliardi di sterline, ma intanto c'è questo spicchio di nuovo corso Amazon che fa certamente notizia.

In ogni caso, BT pagherà 90 milioni di sterline per il pacchetto addizionale: complessivamente verserà alla Premier League 975 milioni a stagione per trasmettere 52 gare a a campionato.

Sky si è invece aggiudicata quattro diversi pacchetti, per un totale di 128 partite live al costo di 3,58 miliardi di sterline: nella precedente asta, che era valsa 5,14 miliardi di sterline, Sky aveva pagato 4,1 miliardi per la trasmissione di 126 partite, mentre BT aveva investito 960 milioni per altre 42 gare.

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: Amazon sbarca nel calcio: acquistati i diritti tv della Premier League, calcioefinanza.it, 7 giugno 2018.

Per l'immagine: www.we-news.com 

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Articolo scritto da:

Mauro Suma, il Direttore Responsabile (leggi la sua biografia).

Log in to comment