Foto CiclismoTutte le gare, le news, gli scoop, e i risultati di ciclismo, riportare fedelmente da we-news giorno per giorno. La sezione ideale per gli amanti delle due ruote, dei grandi del passato (Coppi, Bartali), e delle competizioni epiche (Giro d'Italia, e Tour de France). Seguiteci anche con i feed e con la nostra newsletter.

GIRO D'ITALIA 2014: LE PAGELLE - SECONDA PARTE (by simo90)Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

... Continuo dell'articolo: ''GIRO D'ITALIA 2014: LE PAGELLE - PRIMA PARTE (by simo90)''.

Diego Ulissi: ha goduto due volte, e ci ha fatto godere. Qualcuno cominciava a mettere in dubbio le doti del Livornese. Lui da buon toscanaccio a tirato dritto, senza far troppo caso alle punzecchiature degli addetti ai lavori. A Montecopiolo e nella tappa del Carpegna è sembrato di rivedere Philippe Gilbert, per l’autorità e la supremazia dimostrata in volatine di gruppi ristretti. Ne ha ancora di strada, ma da qui in poi si spera sia in discesa. Deve puntare alle corse di un giorno. Il ct Cassani pensa a lui per il ruolo di capitano. PURO SANGUE. Voto: 8,5.

Il compagno Cunego sembra aver perso ogni residua speranza di ritrovare la gamba dei tempi migliori voto: 4,5. La Bardiani: no, non è un corridore. È una squadra continental che riesce nell’impresa di portarsi a casa tre tappe. Certo ci vuole un po’ di fortuna, ma la fortuna bisogna andarsela a cercare, e i ragazzi di Reverberi lo fanno ogni giorno, sperando che quella centrata sia la fuga giusta.

Log in to comment

GIRO D'ITALIA 2014: LE PAGELLE - PRIMA PARTE (by simo90)Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Nairo Quintana: Ha sonnecchiato per le prime due settimane, diceva di avere dei problemi di respirazione. Nella discesa dello Stelvio ha gettato la maschera e ha portato a termine in Val Martello un’impresa alla portata sua e di pochissimi altri. Nella cronoscalata del Grappa ha dimostrato che la terza settimana è pane per i suoi denti. Pazienza se sullo Zoncolan sembrava andar su con il freno a mano tirato. L’ultimo a riuscire nell’impresa eroica di un‘accoppiata giro e tour è stato un Romagnolo gracilino, chissà che il suo erede sia nato tra le montagne colombiane. FENOMENO VERO. Voto: 9,5.

Rigoberto Uran: il capolavoro l’ha fatto nella cronometro dei vini, dove ha messo in cassaforte un piazzamento sul podio. Da lì in poi ha corso in difesa, a Plan di Montecampione ha cercato di resistere alle progressioni di Aru prima e di Quintana poi, salvo accorgersi in tempo di non poter reggere il ritmo di due scalatori puri. Gli è mancato qualcosa in salita per poter arrivare in rosa a Trieste. Sta studiando per vincere il Giro, chissà che dopo due secondi posti l’anno prossimo non sia quello buono. CAPARBIO. Voto: 8,5 .

Log in to comment

GIRO D'ITALIA 2014: RISULTATI E ANALISI DELLA PRIMA SETTIMANA (by simo90)

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

L’Irlanda è stato lo sfondo dei primi tre giorni di gara. Certo non si può ammirare una grande varietà di paesaggio, come risulta difficile immaginarsi una giornata senza pioggia ma bisogna ammettere che l’entusiasmo con cui gli irlandesi hanno accolto la carovana rosa ha colpito.

Entusiasmo che non può derivare solo da qualche pinta in più, ma che deve essere accreditato alla straordinaria capacità attrattiva del ciclismo. In grado di radunare attorno ad una strada nonni e nipoti, padri e figli, nell’attesa del veloce passaggio del gruppo che fa tornare tutti bambini per un’istante.

Non si può dire che la fortuna sia una virtù tipicamente irlandese. E infatti, pronti e via, nella cronosquadre di Belfast, ruzzolone dell’idolo di casa Daniel Martin, nipote di Stephen Roche.

Log in to comment

CICLISMO: LE PAGELLE DELLA PARIGI-NIZZA  (by simo90)Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

A consultare il '' Garibaldi '' della Parigi-Nizza appena conclusasi, si potrebbero avanzare dei dubbi sulle doti e le capacità degli organizzatori transalpini. Nessun prologo iniziale e nessuna prova contro il tempo. 8 tappe, da spartirsi tra ruote veloci e uomini da classiche delle Ardenne. Bandite dal menu le salite lunghe, anche quelle lontane dal traguardo, gli organizzatori hanno preferito vivacizzare questo tracciato un po' naif con qualche strappo breve in prossimità del traguardi.

Spesso, e non a torto, si dice che è l'atteggiamento dei corridori a rendere dura e avvincente una gara, di certo, però, l'altimetria scarna di questa Parigi-Nizza non ha stimolato più di tanto la fantasia di corridori e appassionati. Di contro  ne hanno beneficiato, considerati i distacchi irrisori, suspence e incertezza sull'andamento finale della corsa  Analizziamo, di seguito, i protagonisti che più hanno animato questa inedita versione della corsa d' oltralpe.

Log in to comment

MARCO PANTANI: IL PIRATA 60KG DI CUORE E CLASSE (by simo90)Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Mi ricordo come se fosse oggi, annoiato davanti al televisore, alla vana ricerca di qualcosa che caturasse la mia attenzione, mi fermai su un notiziario sportivo, d'un tratto la voce della '' speaker '' mi pietrifica , il pirata è morto. Corro da mio fratello, ancora incredulo e sbalordito, che mi dice ''no, non ci credo, stai scherzando?''.

A dieci anni dalla scomparsa di Marco Sono stati scritti fiumi di parole. Sono stati girati film e documentari.

Si sono raccolte le testimonianze dei compagni e degli amici più vicini. Si sono pronunciate le penne più importanti del giornalismo sportivo. Ogni parola, oggi, sembra inadeguata e superflua per raccontare la tua storia, che tutti, chi più chi meno, conosce. Per questo Marco ti dico semplicemente grazie, credendo di poterlo fare a nome di molti.

Log in to comment

I NUOVI ARRIVI IN CASA ASTANA: SCARPONI E NIBALI PER LA MAGLIA GIALLA(by simo90)Non si può certo dire che nel 2013 non ci siano state soddisfazioni per la squadra kazaka del campione olimpico Alexandre Vinokourov.

l'Astana è infatti finita quinta nel ranking di fine stagione del world tour (prima la movistar), anche grazie al nostro Vincenzo Nibali che ha messo in saccoccia un bottino considerevole visto il primo posto al GIRO e il secondo alla Vuelta, senza contare la vittoria della Tirreno e il mondiale sfiorato.

Nonostante una grande stagione o forse proprio perchè galvanizzati dagli ottimi risultati Beppe Martinelli e il Vino hanno deciso di procedere a un leggero restiling della rosa per essere ancora più competitivi e sfidare le corazzate di Sky e Movistar.

Log in to comment