MOTOMONDIALE 2012-2013, GRAN PREMIO DI AUSTRALIA: PROVE LIBEREGiornata di prove libere a Philpp Island per testare la pista prima del Gran Premio di Australia. Potrebbe essere il punto di non ritorno della stagione, quello in cui si assegna il titolo piloti all'esordiente, e straordinariamente fenomenale, bisogna ammetterlo, Marc Marquez.

Il gioiellino di casa Honda però si è reso protagonista di una brutta caduta proprio durante il secondo turno. Un high side che gli poteva costare caro, anche se la scivolata è terminata sul morbido manto erboso ai lati della pista. 

È ancora presto per trarre delle conclusioni, ma i tempi parlano chiaro. Tutti vogliono prendere lo scettro di Casey Stoner, che qui ha dominato senza se e senza ma per tanti anni. Il più veloce è stato Jorge Lorenzo, che le prova tutte fino alla fine per togliere la gioia del titolo al connazionale Marquez, anche se per sua stessa ammissione i giochi sono ufficialmente chiusi. Scaramanzia?

Forse, ma intanto il campione del Mondo chiude con 1'28''961. Stoner, che detiene il record della pista, nel 2008 girò soltanto tre decimi più veloce. Un iniezione di fiducia per Lorenzo, che punta comunque al dodicesimo podio stagionale, il sesto sul gradino più alto. Gli altri intanto guardano Lorenzo passare come un fulmine e provano a stargli dietro.

Secondo nelle prove libere, un po' a sorpresa, si è piazzato Alvaro Bautista, con la sua Honda del Team Gresini. Bautista ha persino superato Dani Pedrosa, che ha dovuto fare i conti con un altro colpo di sfortuna, l'ennesimo della sua stagione.

A pochi metri dalla bandiera a scacchi, durante una piega a destra, si è sfilato uno dei perni che tiene il motore agganciato al telaio. A Pedrosa non è restato che appoggiare la RC213V a terra e dirigersi, lemme lemme, verso i box. 

Buona anche la prova di Valentino Rossi. Il Dottore ha chiuso al quarto posto, davanti al cliente più che ostico Crutchlow, a 576 millesimi dal compagno di squadra di Yamaha. Ma Rossi ha comunque evidenziato alcune problematiche e se vorrà partire da una buona posizione, magari dalla prima fila, dovrà impegnarsi molto di più.

Tornando all'aspirante campione del Mondo, Marc Marquez, l'incidente di oggi gli è costato il sesto posto alle prove libere.

In generale lo spagnolo ha mostrato un po' di tensione e nervosismo, inevitabile quando sai di poter vincere in scioltezza questa stagione, a sole tre piste dal capolinea. In seguito alla caduta, Marquez non è riuscito a stare dietro ai tempi di Lorenzo e Pedrosa e questo può sembrare un campanello d'allarme. Ma il numero 93 quest'anno ha dimostrato di sapersela vedere coi giganti della MotoGp, quindi siamo sicuri di aspettarci delle belle, già dalle qualificazioni. 

Vuoi sapere quante visite ha questo articolista? Clicca sul bottoncino "VS" a lato.

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Log in to comment