foto della campionessa di nuoto Federica PellegriniA poco più di due mesi dalle Olimpiadi, ciò che è accaduto due giorni fa a Federica Pellegrini, durante i Campionati Europei di nuoto a Debrecen, è tutt'altro ...

... che incoraggiante: sbagliare una gara è assolutamente umano, ci mancherebbe, ma sentire ancora una notevole dose di stanchezza nelle gambe, è anormale.

La campionessa bergamasca vuole sapere per prima la verità: in suo aiuto, arriverà presto il responso degli accurati esami clinici a cui Federica Pellegrini si è sottoposta oggi, all'Acquacetosa.

Bisogna cercare di capire al più presto se si è trattato solo di semplice stanchezza muscolare, dovuta ai numerosi impegni e allo stress per l'importanza della competizione internazionale, oppure, come nessuno di noi si augura, siano implicati degli altri fattori più strettamente di carattere medico.

Il suo allenatore, Claudio Rossetto, se da una parte esprime tutta la sua preoccupazione per l'accaduto, dall'altra è fiducioso che Federica Pellegrini possa ritrovare in queste 5-6 settimane che la separano dalle Olimpiadi, sia la forma fisica che soprattutto il morale giusto che richiede l'importanza dell'avvenimento.

 

Il programma di avvicinamento a Londra prevede dopo la disputa del Trofeo Settecolli dal 14 al 16 Giugno prossimi, due settimane di allenamenti a Tenerife, per poi concludere la fase di preparazione nella piscina di Verona, da sempre amica dei trionfi della grande campionessa di nuoto.

Written by Pier Luigi Crivelli modificated by Manager_Igor Scarabel

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.